Antartide

In un recente studio, gli scienziati di UChicago hanno posizionato dei sismometri sulla piattaforma di ghiaccio McMurdo e hanno registrato centinaia di migliaia di piccole “scosse di ghiaccio” che sembrano essere causate da blocchi di ghiaccio parzialmente sciolto che si espandono e si congelano di notte. Il fenomeno può essere in grado di aiutare gli scienziati a tracciare lo scioglimento dei ghiacciai – e aiutare a spiegare la rottura delle grandi piattaforme di ghiaccio, sempre più comune.

In queste aree si registrerebbero decine, centinaia, fino a migliaia di scosse per notte”, ha detto il coautore dello studio Douglas MacAyeal, un professore di scienze geofisiche e rinomato glaciologo che ha viaggiato in Antartide per studiare il comportamento del ghiaccio e della neve per decenni. “È possibile che i sismometri possano essere un modo pratico per monitorare a distanza lo scioglimento dei ghiacciai”.

Il cambiamento climatico sta causando lo scioglimento dell’Antartide, ma i glaciologi stanno ancora mappando come, dove e perché. C’è ancora molto che non capiamo del processo – come evidenziato dal massiccio crollo della piattaforma di ghiaccio Larsen B nel 2002, che ha sorpreso i glaciologi – e la comprensione di questi meccanismi è la chiave per prevedere il futuro del ghiaccio.

MacAyeal e il team erano interessati al ruolo delle “scosse” sulle piattaforme di ghiaccio galleggianti, ma si chiedevano altresì quanto spesso il fenomeno si verificava nel ghiaccio in Antartide, e quale ruolo potesse avere nello scioglimento e nella rottura del ghiaccio.

Il team ha così scelto di installare sismometri per 60 giorni durante la stagione dello scioglimento in due località vicino ai laghi di acqua di fusione stagionale sulla piattaforma di ghiaccio McMurdo.

“In questi luoghi, c’è spesso uno strato di ghiaccio in cima all’acqua sciolta sotto, come si vede con un lago che è solo ghiacciato in cima”, ha spiegato MacAyeal. “Quando la temperatura si raffredda di notte, il ghiaccio sulla parte superiore si contrae e l’acqua sottostante si espande mentre subisce il congelamento. Questo deforma il coperchio superiore fino a rompere con uno scatto”.

Dunque, l’energia vibra nell’ambiente circostante, dove viene raccolta dai sismometri. Alcune delle crepe guariscono, ma altre no, dice MacAyeal, ottimista che questo possa permettere di scoprire perché gli iceberg si rompono più frequentemente durante i periodi più freddi dell’anno.

Fonte

Thousands of tiny quakes shake Antarctic ice at night – UChicago