Leonardo DiCaprio

Leonardo DiCaprio sta lanciando una nuova iniziativa in favore dell’ambiente, unitamente a diversi miliardari e filantropi come Laurene Powell Jobs (vedova di Steve Jobs) e Brian Sheth, presidente del fondo di private equity Vista Equity Partners.

L’iniziativa, ribattezzata Earth Alliance, è un’organizzazione no profit che ha come obiettivo quello di contrastare il cambiamento climatico e la perdita delle biodiversità in ambito globale. Un’alleanza che vuole preservare gli ecosistemi e la fauna selvatica, vuole sostenere le energie rinnovabili, vuole prendersi a cuore i diritti degli indigeni e tanto altro ancora.

Per dirla con le parole di DiCaprio, si tratta di “una nuova piattaforma grande e agile che condivide risorse e competenze identificando al contempo i migliori programmi per portare cambiamenti reali in tutto il pianeta”. Non mancheranno evidentemente le erogazioni di borse di studio e diverse finalità educative, finanziando anche la realizzazione di documentari e altro materiale didattico.

Ovviamente, non è questo il primo impegno di Leonardo DiCaprio, che già 21 anni fa ebbe modo di istituire la fondazione a cui ha donato il nome: in questo lungo tempo, si è impegnato a mobilitare più di 100 milioni di dollari di sovvenzioni a progetti ambientali in ogni parte del mondo.

Ora, un nuovo importante progetto, con il coinvolgimento di “Laurene e Brian, due incredibili leader che condividono la mia passione e comprensione dell’urgenza e della portata delle sfide ambientali che affrontiamo. Sono orgoglioso di collaborare con loro per formare questa nuova piattaforma più ampia e agile”.

Vedremo ora, nei prossimi mesi, quali saranno le prime iniziative che la Earth Alliance avrà modo di lanciare in ambito internazionale. Considerate le premesse, ci sono tutti gli elementi per poter auspicare un concreto sostegno a diverse iniziative benefiche per il presente e per il futuro dell’ambiente, nella speranza che possano altresì fungere da debita sensibilizzazione nei confronti di altri operatori.

Approfondimenti e bibliografia