Elefanti asiatici

Proteggere e ampliare gli habitat adatti alla fauna selvatica è fondamentale per la conservazione delle specie in via di estinzione, ma a causa dei cambiamenti climatici e dello sfruttamento del territorio, gli habitat che oggi sono ideali potrebbero non esserlo tra 30 o 50 anni.

Un team internazionale di scienziati ha quindi previsto spostamenti dell’area di distribuzione degli elefanti asiatici in India e Nepal utilizzando modelli di distribuzione delle specie basati su informazioni statistiche inerenti la distribuzione degli elefanti e le proiezioni climatiche. Ebbene, mentre alcune regioni del nord e del nord-est del subcontinente potrebbero fornire in futuro habitat più adatti, nel complesso è probabile una forte perdita in tutti gli scenari. Gli effetti complessi dei cambiamenti ambientali sulla distribuzione degli elefanti sono illustrati in un articolo pubblicato su Diversity and Distributions.

È d’altronde risaputo che i cambiamenti climatici, le variazioni nello sfruttamento del suolo, nei cicli dell’acqua e altri fattori che influenzano la ridistribuzione delle specie – direttamente o indirettamente, siano processi molto complessi, poiché gli effetti del cambiamento globale si manifestano in modo molto diverso su scala locale.

In uno sforzo particolarmente intenso, e sulla base delle proiezioni dei dati climatici e della destinazione d’uso del suolo per il 2050 e il 2070, sono così stati calcolati diversi scenari. Tutti gli scenari indicano chiaramente che l’interazione tra il cambiamento climatico e l’uso del suolo aggraverà le minacce esistenti per l’elefante.

Prevediamo che la portata degli elefanti si sposterà probabilmente verso altitudini più elevate nell’Himalaya, e lungo un gradiente di disponibilità idrica, invece di un semplice spostamento unidirezionale verso altitudini e latitudini più elevate, tipicamente previste quando la temperatura è il fattore principale”, spiega Miguel B. Araújo, esperto di cambiamenti climatici e biodiversità presso la MNCN, Madrid, nel cui laboratorio è stato intrapreso questo studio collaborativo.

In uno scenario in cui è incluso solo il cambiamento climatico, la perdita di habitat potenziale è più moderata, ma ancora sostanziale, con una distruzione del 17,1% in uno scenario nel 2070. “L’effetto negativo è particolarmente grave nei paesaggi dominati dall’uomo nell’India orientale e meridionale“, dicono Priya Davidar e Jean-Philippe Puyravaud (Sigur Nature Trust, India). Di contro, il “guadagno” in habitat potenziale è indicato nelle aree settentrionali e nord-orientali, in particolare lungo le valli dell’Himalaya pedemontana. “Le nostre proiezioni del modello suggeriscono che i cambiamenti futuri previsti nella distribuzione degli elefanti in India e Nepal sarebbero determinati principalmente da cambiamenti nel bilancio idrico climatico, seguiti da cambiamenti di temperatura e da altri disturbi indotti dall’uomo“, concludono Kanagaraj e Araújo.

Fonte

Asian elephants may lose up to 42 percent of suitable habitats in India and Nepal – Diversity and Distributions