Elefanti

Si dice che un elefante ha una memoria di ferro e che non dimentica mai. Ebbene, questo sembra essere per lo meno il caso degli elefanti che vagano per la Namibia, alla ricerca di cibo, acqua dolce e altre risorse.

Il rapporto tra disponibilità di risorse e modelli di movimento della fauna selvatica è essenziale per comprendere il comportamento delle specie e l’ecologia. E considerato che i paesaggi possono cambiare da un giorno all’altro e da un anno all’altro, e che molti animali si spostano in base alla disponibilità di risorse, studiare i loro movimenti è essenziale per poter decifrare la loro evoluzione.

Ma siamo sicuri che gli animali sono in grado di ricordare le condizioni delle risorse del passato? Quanto è importante la memoria e la cognizione spaziale quando si cerca di capire il movimento della fauna selvatica?

Lo studio sugli elefanti

Per saperne di più, iricercatori del Parco Nazionale Etosha, in Namibia, hanno esaminato la questione attraverso un mammifero iconico, l’elefante.

“Gli elefanti africani (Loxodonta africana) sono l’ideale per questo studio – hanno eccellenti capacità cognitive e memoria spaziale a lungo termine”, ha spiegato Miriam Tsalyuk, autore principale dell’Università della California Berkeley, “che li aiuta a tornare in aree con cibo e acqua migliori. Le savane africane sono imprevedibili, con una prolungata stagione secca, dove la conoscenza della disponibilità a lungo termine delle risorse è altamente vantaggiosa”.

Pubblicato sull’ultimo numero della rivista Ecological Society of America’s journal Ecological Monographs, lo studio è stato condotto utilizzando i collari GPS, mediante i quali i ricercatori hanno monitorato il movimento di 15 gruppi di elefanti per periodi che vanno da 2 mesi fino a poco più di 4 anni e mezzo. La chiave di questo studio, ha sottolineato Tsalyuk, sono state le immagini e le osservazioni satellitari, che sono state utilizzate per creare dati dettagliati sui tipi di vegetazione e sulle biomasse. Insieme alle mappe delle acque superficiali e dei costrutti artificiali, Tsalyuk e i suoi colleghi hanno poi correlato queste variabili con i dati sul movimento degli elefanti per cercare modelli di comportamento.

La fauna reagisce ai cambiamenti ambientali

“La ricerca (…) esamina come la fauna selvatica risponde allo stato attuale dell’ambiente”, ha detto. “Tuttavia, gli animali usano la memoria spaziale e sociale per tornare in luoghi che in passato sono stati benefici. Le immagini satellitari forniscono informazioni su queste condizioni passate e svelano la complessità dell’uso spaziale della fauna selvatica”.

Le loro analisi hanno rivelato che gli elefanti sembrano certamente ricordare dove trovare il cibo migliore e l’acqua pulita. L’informazione a lungo termine (fino a un decennio) sulle condizioni del foraggio è stato un fattore maggiore nelle decisioni degli elefanti su dove andare rispetto alle condizioni attuali, in particolare nella stagione secca.

“I risultati sono stati davvero sorprendenti”, ha detto Tsalyuk. “Abbiamo pensato che se riuscissimo a catturare le condizioni della vegetazione il più vicino possibile al momento in cui gli elefanti vi passavano, saremmo stati in grado di spiegare meglio la preferenza per un luogo particolare. Ma abbiamo trovato il contrario – gli elefanti hanno una preferenza più forte per i luoghi dove le condizioni del foraggio sono state migliori per molti anni, rispetto alla disponibilità di foraggio che vedono intorno a loro in questo momento”.

I ricercatori sono inoltre rimasti sorpresi anche della variabilità delle preferenze degli elefanti per le risorse – diversi tipi di vegetazione e fonti d’acqua – nel corso del giorno e delle stagioni.

Gli elefanti sulla strada

C’è poi almeno un altro dato di interesse. “Le strade sono spesso pericolose per la fauna selvatica”, ha detto Tsalyuk. “Tuttavia, questa ricerca è stata condotta all’interno del Parco Nazionale Etosha, dove la maggior parte delle strade sono strade sterrate, con un traffico relativamente basso”.

Ebbene, gli elefanti hanno preferito viaggiare lungo le strade nella stagione secca, quando le condizioni stradali sono migliori e quando gli elefanti devono spostarsi più lontano tra l’acqua e le risorse della vegetazione. Sembra che utilizzino le strade come terreno facile da percorrere a piedi per risparmiare energia.

Complessivamente, è quindi emerso che gli elefanti di Etosha preferiscono aree con una maggiore biomassa erbacea, ma con una minore biomassa arborea. Quando il cibo è abbondante, gli elefanti si sentono più a loro agio ad esplorare il paesaggio per ottenere zone più verdi o foraggio di qualità superiore. Nella stagione secca, tuttavia, quando il cibo diventa più scarso e meno nutriente, l’obiettivo diventa quello di ridurre il rischio di fame, e gli elefanti si limitano a zone in cui la produttività del foraggio è stata favorevole per molti anni.

Diritto d’autore foto: Jonathan Pledger / 123foto