himalaya

Pochi minuti fa abbiamo parlato della drammatica situazione dei ghiacciai della Groenlandia. Tuttavia, la situazione non sembra essere migliore alle più lontane altezze, considerato che un nuovo studio dimostra che lo scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya causato dall’aumento delle temperature ha subito una drastica accelerazione dall’inizio del 21° secolo.

L’analisi, che abbraccia 40 anni di osservazioni satellitari in India, Cina, Nepal e Bhutan, indica infatti che dal 2000 i ghiacciai hanno perso l’equivalente di mezzo metro di ghiaccio verticale ogni anno – il doppio della quantità di scioglimento avvenuto dal 1975 al 2000. Lo studio è l’ultima e forse più convincente indicazione che il cambiamento climatico sta erodendo i ghiacciai dell’Himalaya, minacciando potenzialmente l’approvvigionamento idrico per centinaia di milioni di persone a valle in gran parte dell’Asia.

Questa è l’immagine più chiara di quanto velocemente i ghiacciai dell’Himalaya si stanno sciogliendo in questo intervallo di tempo, e perché“, ha detto l’autore principale Joshua Maurer, candidato al dottorato di ricerca presso l’Osservatorio della Terra Lamont-Doherty della Columbia University. Anche se non specificamente calcolato nello studio, i ghiacciai potrebbero aver perso un quarto della loro enorme massa negli ultimi quattro decenni, ha detto Maurer. Lo studio è stato pubblicato qualche giorno fa sulla rivista Science Advances.

I ghiacciai dell’Himalaya sono a serio rischio

Attualmente l’Himalaya ospita circa 600 miliardi di tonnellate di ghiaccio e, proprio per questo, l’Himalaya è talvolta chiamato il “Terzo Polo” della Terra. Molti altri studi recenti hanno suggerito che i ghiacciai stanno perdendo rapidamente volume, e che fino a due terzi dell’attuale copertura di ghiaccio potrebbe andare in fumo entro il 2100. Ma finora, le osservazioni sono state in qualche modo frammentate, concentrandosi su periodi di tempo diversi, o solo su singoli ghiacciai o in certe regioni. Questi studi hanno prodotto risultati talvolta contraddittori, sia per quanto riguarda il grado di perdita di ghiaccio che le cause.

Il nuovo studio sintetizza i dati provenienti da tutta la regione, dalle prime osservazioni satellitari fino ad oggi. La sintesi indica che la fusione è coerente nel tempo e nello spazio e che la colpa è da imputare all’aumento delle temperature. Le temperature variano da un luogo all’altro, ma dal 2000 al 2016 hanno una media di 1 grado centigrado superiore a quelle dal 1975 al 2000.

Lo studio

Maurer e i suoi colleghi hanno analizzato le immagini satellitari di circa 650 ghiacciai che si estendono per 2.000 chilometri da ovest a est della catena. Molte delle osservazioni del XX secolo provengono da immagini fotografiche recentemente declassificate scattate dai satelliti spia statunitensi.

I ricercatori hanno poi creato un sistema automatizzato per trasformarle in modelli 3D in grado di mostrare le variazioni di elevazione dei ghiacciai nel tempo. Hanno poi confrontato queste immagini con i dati ottici post-2000 dei satelliti più sofisticati, che trasmettono più direttamente le variazioni di elevazione.

Così facendo, hanno scoperto che dal 1975 al 2000, i ghiacciai di tutta la regione hanno perso in media circa 0,25 metri di ghiaccio ogni anno a fronte di un leggero riscaldamento. Seguendo una tendenza al riscaldamento più pronunciata a partire dagli anni ’90, a partire dal 2000 la perdita si è accelerata a circa mezzo metro all’anno. Le recenti perdite annuali sono state in media di circa 8 miliardi di tonnellate di acqua, o l’equivalente di 3,2 milioni di piscine olimpioniche, dice Maurer.

La maggior parte dei singoli ghiacciai non si erodono uniformemente su tutta la loro superficie, ha notato Maurer; lo scioglimento è stato concentrato principalmente alle quote più basse, dove alcune superfici di ghiaccio stanno perdendo fino a 5 metri all’anno.

Perché i ghiacciai si stanno sciogliendo

Alcuni ricercatori hanno sostenuto che anche fattori diversi dalla temperatura stanno influenzando i ghiacciai.

Tra i più noti, questi includerebbero i cambiamenti nelle precipitazioni, che sembrano diminuire in alcune aree (che tenderebbero a ridurre il ghiaccio), ma aumentare in altre. Un altro fattore è poi il fatto che le nazioni asiatiche stanno bruciando carichi sempre maggiori di combustibili fossili e biomassa, contribuendo a rendere il cielo più ricco di fuliggine. Gran parte di essa finisce per atterrare sulle superfici nevose dei ghiacciai, dove assorbe l’energia solare accelerando lo scioglimento.

Maurer concorda sul fatto che sia la fuliggine che le precipitazioni sono fattori, ma a causa delle enormi dimensioni della regione e dell’estrema topografia, gli effetti sono molto variabili da luogo a luogo. Nel complesso, sostiene, la temperatura è comunque il fattore principale.

Per confermare tutto ciò, Maurer e i suoi colleghi hanno tenuto in monitoraggio i dati di temperatura durante il periodo di studio dalle stazioni a terra e poi hanno calcolato la quantità di scioglimento ulteriore che gli aumenti di temperatura osservati dovrebbero aver prodotto. Hanno poi confrontato queste cifre con quanto effettivamente accaduto ed hanno ottenuto i risultati più temuti.

Anche le Alpi stanno rischiando grosso

La perdita di ghiaccio sull’Himalaya assomiglia a quella delle Alpi europee, dove le temperature hanno iniziato ad aumentare un po’ prima, negli anni ’80, e che sono state studiate molto più da vicino. I ghiacciai hanno iniziato a perdere poco dopo questo aumento, e da allora la rapida perdita di ghiaccio è continuata. L’Himalaya generalmente non si scioglie velocemente come le Alpi, ma la progressione generale è simile, dicono i ricercatori. Lo studio non include le grandi catene montuose dell’Asia di alta montagna come il Pamir, l’Hindu Kush o il Tian Shan, ma altri studi suggeriscono che anche lì è in corso una fusione simile.

I rischi dello scioglimento dei ghiacciai

Circa 800 milioni di persone dipendono in parte dal deflusso stagionale dei ghiacciai himalayani per l’irrigazione, l’energia idroelettrica e l’acqua potabile. Lo scioglimento accelerato sembra finora gonfiare il deflusso durante le stagioni calde, ma gli scienziati prevedono che si ridurrà nel giro di decenni quando i ghiacciai perderanno massa.

Questo, dicono, alla fine porterà ad una condizione di carenza d’acqua. Uno studio separato pubblicato a maggio scorso stima che il deflusso annuale è ora circa 1,6 volte superiore a quello che si avrebbe se i ghiacciai fossero riempiti con la stessa velocità di scioglimento. Come risultato, in molti drenaggi di alta montagna, i laghi di acqua di fusione si stanno rapidamente costruendo dietro a dighe naturali di detriti rocciosi, che minacciano le comunità a valle con inondazioni potenzialmente distruttive e mortali. Anche sull’Everest, i cadaveri di alpinisti che non sono riusciti a scendere dal pendio stanno emergendo dallo scioglimento del ghiaccio e della neve lungo i sentieri.

Lo studio mostra che “anche i ghiacciai delle montagne più alte del mondo stanno rispondendo all’aumento della temperatura globale dell’aria, spinto dalla combustione di combustibili fossili“, ha detto Joseph Shea, un geografo glaciale dell’Università della Columbia Britannica del Nord che non è stato coinvolto nello studio. “A lungo termine, questo porterà a cambiamenti nei tempi e nell’entità del flusso di corrente in una regione densamente popolata”.

Lo studio è stato condotto da Joerg Schaefer e Alison Corley di Lamont-Doherty Earth Observatory e Summer Rupper dell’Università dello Utah.

Approfondimenti e bibliografia