lepri da neve

Le lepri da neve del territorio canadese dello Yukon, infatti, sono state fotografate mentre mangiano carne per integrare la loro dieta durante i lunghi inverni, in uno dei luoghi più freddi del mondo.

E così, mentre durante i mesi estivi, i mammiferi si nutrono di vegetazione, quando la neve ricopre il paesaggio e le temperature scendono a 30 gradi sotto zero, le lepri – affamate – non disdegnano di nutrirsi di altre carcasse di lepre, così come di diverse specie di uccelli.

Non solo. In una sorta di ironia del destino, le lepri della neve non hanno scrupoli nel mangiare i corpi dei loro principali predatori, le linci – come sottolineato da Michael Peers, dottorando in ecologia presso l’Università di Alberta a Edmonton, che ha condotto un nuovo studio sul fenomeno.

“E ‘stato scioccante vedere per la prima volta questa scena,” dice Peers, che ritiene che le lepri stiano aumentando il loro apporto proteico durante i tempi più rigidi.

I ricercatori hanno scoperto le lepri che si nutrono di carne per caso, dopo aver installato telecamere remote vicino alle carcasse dei loro corpi su un monte al confine con l’Alaska. Si aspettava che i predatori venissero a ritirare tali corpi, ma due anni e mezzo di filmati hanno in realtà fatto rivelare che erano le stesse lepri a mangiare le carcasse delle loro compagne in 20 dei 161 casi osservati.

Le immagini suggeriscono che gli animali non sono così facilmente classificabili come erbivori o carnivori e che le lepri da neve mangiano carne su base regolare.

Ricordiamo che questa non è la prima volta che le lepri vengono intercettate mentre si nutrono di carne. Già nel 1921 gli scienziati hanno documentato le lepri che mangiano carne, tali report erano in realtà dei documenti aneddotici sul campo, mentre questa è la prima volta che il consumo di carne è stato ripreso dalla telecamera.

“E ‘noto un sacco di animali si suppone che sono erbivori che effettivamente consumano carne“, dice ancora il dottorando. Anche qui, però, c’è una novità: “Molti ecologisti sono rimasti sorpresi dalla decisione delle lepri di ingerire intenzionalmente le piume – che sono per lo più fatte di cheratina e contengono poche proteine”.

La ricerca ha anche rivelato che le lepri difendevano le loro carcasse da altre lepri e che invece non puntavano alle carcasse più grandi, come un alce, probabilmente per paura di affrontare eccessiva e più “forte” concorrenza. Essendo così piccole, non hanno molte possibilità di nutrirsi di un alce davanti a orsi o altri predatori più grandi.