South Korea

La Corea del Nord e la Corea del Sud negli ultimi mesi si sono avvicinate gradualmente, concedendo qualche “apertura” storica. Tuttavia, in mezzo alla celebrazione dei progressi politici dello scorso anno nella penisola coreana, qualcuno ha lanciato un allarme. Sono gli ecologisti, che hanno avvertito che molti animali in pericolo, che hanno trovato casa nella terra di nessuno della “zona smilitarizzata” che separa il Nord dal Sud, potrebbero essere a rischio mentre il territorio si apre lentamente.

Circondata da filo spinato, la zona di confine è diventata un’oasi ecologica accidentale dopo essere stata lasciata indisturbata dall’uomo dalla guerra di Corea degli anni ’50, conclusa con un armistizio inquieto e la divisione della penisola. Il territorio ha insomma offerto rifugio a più di 5.000 specie vegetali e animali identificate, di cui più di 100 considerate in pericolo o protette.

Il ministero dell’ambiente della Corea del Sud ha dunque recepito tali allarmi, e ha affermato che sta elaborando un piano di conservazione per garantire che la fauna selvatica rara non sia danneggiata nel perseguimento della distensione diplomatica.

La zona ospita un gran numero di specie che hanno perso il loro habitat a causa delle interferenze umane. Troviamo, tra le altre, le gru a pinne bianche che vivono nella parte centro-occidentale durante l’inverno”, ha detto al Telegraph Seo Hyungsoo, un ricercatore del South’s National Institute of Ecology.

“Ci sono anche i cervi muschio, che vivono nella parte medio-orientale. Se non ci fosse stata la zona demilitarizzata, è molto probabile che queste specie sarebbero state completamente spazzate via in Corea. Questo è il motivo per cui sono di grande valore nella conservazione internazionale”, ha detto.

Altre specie rare qui presenti sono la rana di Suwon, le lontre eurasiatiche, le aquile reali e le garzette cinesi. Avvistamenti del leopardo Amur in via di estinzione e della tigre siberiana sono stati segnalati, ma mai registrati ufficialmente.

“Ulteriori misurazioni sono necessarie nel caso in cui la zona si apra ai civili. Ci saranno minacce di bracconaggio del cervo muschiato, e la designazione di area protetta per gli uccelli in inverno è alquanto necessaria”, ha detto Seo. “Il ministero dell’ambiente prevede di stabilire un piano comune per la conservazione e la gestione della zona e di elaborare una strategia ragionevole per l’uso senza distruggere il valore ecologico” – ha poi proseguito.