pale eoliche

Le pale eoliche continuano a diffondersi in tutto il mondo, contribuendo a contrastare il cambiamento e, dunque, sostituire almeno in parte le energie da combustibili fossili.

Nonostante ciò, molte delle notizie che di frequente appaiono sulle turbine e sulle pale eoliche mettono in evidenza aspetti negativi come il degrado percepito del paesaggio o il loro impatto sulla fauna selvatica. E, forse, non in maniera esagerata, almeno per quanto concerne gli uccelli.

Numerosi articoli scientifici pubblicati mostrano infatti che uccelli e pipistrelli possono essere uccisi (a volte in numero relativamente elevato) a causa della collisione con le pale eoliche. Chiaramente, dove le turbine sono posizionate male o dove sono colpite specie rare o vulnerabili, questo è un problema. Immagini di uccelli morti sotto le turbine eoliche si trasformano facilmente in notizie emotive e sensazionali, e sono un duro colpo per l’appoggio delle comunità all’industria eolica.

In tal senso, a prima vista, un nuovo studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution sembra aggiungersi alle evidenze di effetti letali diffusi. Gli autori, un team dell’Indian Institute of Science guidato da Maria Thaker, osservano infatti che gli effetti delle turbine eoliche sono “simili all’aggiunta di un predatore apice alle comunità naturali”. I predatori apice sono animali in cima alle loro catene alimentari, come le orche o le tigri. Aggiungere un “predatore apice” significa sicuramente che queste macchine per la lavorazione dei metalli artificiali uccidono uccelli e pipistrelli in gran numero ma… è davvero così?

In realtà, se è certamente vero che la collisione con le pale eoliche può causare la mortalità diretta degli uccelli, ciò che la nuova ricerca mostra in realtà è molto più interessante e complesso di questo. Frutto di molti anni di raccolta dati, il lavoro mostra che attraverso gli effetti (diretti o indiretti) sugli uccelli rapaci, le turbine eoliche possono avere effetti più ampi e sottili sull’ecosistema più ampio – anche su alcune specie inaspettate.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le pale eoliche sarebbero in grado di cambiare l’ecosistema influenzando la presenza più diffusa di alcune specie, a vantaggio di altre. Hanno ad esempio individuato una lucertola che vive solo nelle montagne di un’area occidentale dell’India, scoprendo che il numero di lucertole era notevolmente più alto nelle aree con turbine installate rispetto ad altre aree simili senza turbine.

Nelle zone con turbine, hanno anche trovato meno rapaci, come poiane e aquiloni (i principali predatori delle lucertole), e una minore frequenza di attacchi alle lucertole. Mettendo insieme i due elementi, gli autori propongono che la presenza di turbine sia associata ad una minore attività predatrice, e quindi ad un maggior numero di prede.

In un certo senso, può sembrare che le turbine eoliche agiscano in modo simile all’introduzione di un “predatore apice” nella catena alimentare: riducendo il numero e l’attività dei predatori intermedi come i rapaci, la pressione di predazione sugli animali più piccoli può essere ridotta. Tuttavia, è ovviamente importante sottolineare che quasi tutti i predatori biologici sono, alla fine, limitati dalla disponibilità di prede. Al contrario, le turbine non sono limitate in questo modo e continueranno ad essere presenti indipendentemente dal fatto che la loro “preda” si estingua localmente.

Dunque, ancor più degli effetti diretti sulla vita degli ufficiali, sono forse più importanti quelli non immediatamente letali sull’ecosistema in senso lato, come evidenziato da Thaker e colleghi. Riducendo la predazione o riducendo l’attività dei predatori, la fisiologia, il comportamento e la densità di popolazione delle popolazioni preda possono essere modificati in modi imprevedibili.

Ciò che questo lavoro mette in evidenza è che i parchi eolici possono avere effetti indiretti o non immediatamente visibili. Si tratta di una sfida enorme per le valutazioni d’impatto e il lavoro di indagine. Forse comprensibilmente, molte valutazioni delle turbine eoliche si concentrano sulle specie vulnerabili, che tendono ad essere gli uccelli e i pipistrelli più a rischio di collisione diretta. Analogamente, dove viene effettuato, il monitoraggio post-costruzione si concentra spesso sulle vittime delle collisioni. Si tratta di cose che possono essere direttamente misurate o contate, in periodi chiaramente definiti.

Per contro, la valutazione degli effetti a lungo termine sulle specie indirettamente colpite, come le lucertole, richiede molto più tempo e denaro. Purtroppo, questo lusso non è in genere disponibile per gli studi di valutazione dell’impatto commerciale. Inoltre, è probabile che sia molto più difficile convincere le autorità di regolamentazione che le valutazioni d’impatto dovrebbero essere ampliate per prendere in considerazione ecosistemi più ampi, in particolare quando questi non possono essere immediatamente visti o conteggiati come animali morti.

Approfondimenti e credit