Il tema non è certo nuovo: i pesticidi possono essere potenzialmente molto nocivi per il benessere di alcuni animali e, in particolar modo, per le api. A contribuire a porre l’attenzione su questo tema, negli ultimi giorni è intervenuto un comunicato dell’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), secondo cui tre pesticidi utilizzati sarebbero nocivi per questi animali: quanto basta, forse, per aprire le porte a nuove restrizioni all’uso dei neonicotinoidi.

In altri termini, nel suo report l’authority ha atto il punto sui rischi che le api da miele, selvatiche e solitarie, possono correre a causa dell’impiego di alcuni pesticidi (sono tre i prodotti che sono stati individuati dall’Efsa), appartenenti alla classe dei neonicotinoidi.

Il parere di Efsa in materia era largamente atteso, e ora Stati e Commissione Europea dovranno esprimersi sul divieto totale di questi principi attivi molto usati in agricoltura.

Ricordiamo che dopo alcuni provvedimenti di restrizione che erano già decise nel 2013, una proposta che permette l’uso dei neonicotinoidi solo in serra, e che era già stata presentata dall’Esecutivo Ue e discussa con i Paesi membri nel 2017.

Si attendono ora i prossimi provvedimenti.