sacchetti bio

I sacchetti di plastica che si dichiarano essere biodegradabili sono in realtà un grave rischio per la natura, perché in grado di resistere per anni dopo essere stati esposti all’ambiente naturale.

A sostenerlo è un recente studio che ha testato per la prima volta il destino delle borse compostabili, due forme di borse biodegradabili e borse da trasporto convenzionali dopo un’esposizione a lungo termine al mare, all’aria e alla terra. Nessuna delle borse si è completamente decomposta in tutti gli ambienti, dopo la sperimentazione durata tre anni.

In particolare, la borsa compostabile sembra essersi comportata meglio della cosiddetta borsa biodegradabile. Il campione del sacchetto compostabile era infatti completamente scomparso dopo tre mesi in ambiente marino, ma i ricercatori affermano che è necessario un ulteriore lavoro per stabilire quali siano gli effettivi prodotti di decomposizione e per considerare le potenziali conseguenze ambientali.

Dopo tre anni i sacchettibiodegradabili” che erano state sepolti nella terra e nel mare, sono stati in grado di essere sufficientemente solidi da poter trasportare la spesa. Il sacchetto compostabile era presente nel terreno 27 mesi dopo essere stata sepolto, ma quando è stata testata con la spesa non è stata in grado di sostenere alcun peso senza strappi.

Secondo i ricercatori dell’International Marine Litter Research Unit dell’Università di Plymouth, lo studio – pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology – solleva la questione se le formulazioni biodegradabili siano effettivamente affidabili per offrire un tasso di degradazione sufficientemente avanzato e quindi una soluzione realistica al problema dello smaltimento della plastica.

Imogen Napper, che ha condotto lo studio, ha dichiarato in tal proposito che “dopo tre anni, sono rimasto davvero sorpreso che una qualsiasi delle borse potesse ancora contenere un carico di spesa. Per le borse biodegradabili essere in grado di farlo è stata la cosa più sorprendente. Quando si vede qualcosa etichettato in quel modo, penso che si presume automaticamente che si degraderà più rapidamente rispetto alle borse convenzionali. Ma, dopo almeno tre anni, la nostra ricerca mostra che potrebbe non essere il caso“.

Nonostante l’introduzione di iniziative che scoraggiano l’utilizzo dei sacchetti di plastica, i supermercati producono ancora miliardi di euro di plastica ogni anno.

A conferma di ciò, lo studio afferma che nel 2010 è stato stimato che 98,6 miliardi di sacchetti di plastica siano stati immessi sul mercato UE e circa 100 miliardi di sacchetti di plastica supplementari siano stati immessi ogni anno da allora.

La consapevolezza del problema dell’inquinamento della plastica e dell’impatto sull’ambiente ha portato a un aumento delle cosiddette opzioni biodegradabili e compostabili. E la stessa ricerca afferma che alcuni di questi prodotti sono commercializzati insieme a dichiarazioni che indicano che possono essere “riciclati in natura molto più rapidamente della plastica ordinaria” o “alternative vegetali alla plastica”.

Tuttavia, Napper ha precisato come i risultati abbiano invece mostrato che nessuno dei sacchetti può essere considerato affidabile per mostrare un sostanziale deterioramento per un periodo di tre anni in tutti gli ambienti naturali. “Non è quindi chiaro come le formulazioni oxo-biodegradabili o biodegradabili forniscano tassi di deterioramento sufficientemente avanzati da essere vantaggiosi rispetto ai sacchetti convenzionali”, ha rilevato la ricerca.

La ricerca ha dimostrato altresì che il modo in cui sono stati smaltiti i sacchetti compostabili era importante. Dovrebbero biodegradarsi in un processo di compostaggio gestito attraverso l’azione di microrganismi naturali. Ma il rapporto dice che questo richiede un flusso di rifiuti dedicato ai rifiuti compostabili, che non tutti i Paesi hanno.

Approfondimenti e credit