Rabat Marocco
I trasporti saranno solo elettrici e comprenderà tutto quello che serve ai residenti

Il Marocco progetta un quartiere verde al 100%. Il progetto segnalatoci dal sito web TuristaOggi.it è molto ambizioso. Si tratta della Green Tech Valley interamente progettata e in costruzione a Rabat dall’azienda marocchina Marita, che unisce le due parole Marocco e Italia nel segno dell’ambiente. C’è infatti un po’ d’Italia in questo progetto, anche se il proprietario è l’immobiliarista locale Rahhal Boulgoute. Ma la tecnologia proviene anche da aziende italiane che collaborano in tanti progetti al di là del Mediterraneo.

Sarà un quartiere in cui viaggeranno solo bici, auto e bus elettrici. Marita collaborerà in particolare con il gruppo Green Power e con Maccaferri. L’intesa tra Boulgoute e gli italiani parte dall’azienda triestina Colombin, di proprietà del marocchino, che è cresciuto in Toscana e ha iniziato la sua carriera da imprenditore in Italia, proprio con il sughero, prima di passare al settore immobiliare, agricolo e dell’ambiente.

Il progetto del quartiere verde

La ‘Green Tech Valley’ verrà costruita da Marita in collaborazione con la Banca islamica di sviluppo e occuperà 3,5 ettari di terreni su cui verranno realizzati 150 mila metri quadrati di costruzioni. Tra gli edifici un centro di ricerca medico di terapie alternative, il parco, il centro commerciale, un centro affari e gli edifici residenziali. Termine dei lavori previsto per la fine del prossimo anno.

La sua attività green in Marocco è già ben avviata. A Marrakech ha organizzato il trasporto pubblico per quasi 50mila utenti grazie a 10 bus che vanno a corrente elettrica, rifornita da stazioni di pannelli solari. Hanno 300 chilometri di autonomia e saranno prodotti a El Jadida dal prossimo anno. Ma la holding vuole portare nella città le bici elettriche e poi andare oltre il Marocco.

L’intenzione, annunciata alla fiera del solare Photovoltaica, è sfruttare il programma Masdar Energy per le rinnovabili marocchine, che si prefissa un 52% di rinnovabili nel paese entro 12 anni. Marita oggi opera già in sette paesi del continente, e solo in Marocco ha investito 40 miliardi di dollari.

Ma il quartiere verde di Rabat vuole essere il fiore all’occhiello della holding.