Se le tue piante presentano piccole macchie bianche o sostanze simili al cotone depositate sulle foglie, è il caso di preoccuparsi. Questo è il segnale che la cocciniglia cotonosa è in piena attività e bisogna correre al più presto ai ripari. I danni infatti potrebbero essere irreparabili, dalla morte dei fiori e arbusti, fino alla distruzione di interi raccolti.

Con quest’articolo conoscerai meglio la cocciniglia cotonosa e ti mostrerò alcuni rimedi naturali per intervenire.

Che cos’è la cocciniglia cotonosa

La cocciniglia cotonosa è un temibile parassita delle piante. Esso appartiene alla super famiglia degli insetti fitofagi (Rhynchota), di cui fanno parte afidi e acari.

La caratteristica di questo insetto è quella di nutrirsi della linfa vitale della pianta. La sua capacità infestante aumenta con le alte temperature, quindi sono frequenti in quei luoghi dai climi caldi o torridi. Spesso è molto difficile individuarli ed eliminarli, specie quando sono molto piccoli e in grandi quantità.

Le specie di piante maggiormente a rischio sono le piante ornamentali, le conifere, i cycas e gli agrumi, in particolare le piante di limone e la vite.

Tuttavia, non bisogna escludere che esistono varietà di cocciniglia molto utili all’agricoltura. Per esempio, la Kerria Lacca è fondamentale per la produzione di gommalacca oppure le Kermes e le Dactylopius da cui vengono estratti coloranti alimentari rossi.

I rimedi naturali contro le cocciniglie?

rimedi naturali contro le cocciniglie

Prima di andare avanti, ci tengo a sottolineare che questo tipo di soluzione non può essere utile in caso di grandi coltivazioni. Chi volesse eliminare le cocciniglie dalla sua azienda agricola e mettere in salvo il raccolto, farebbe meglio a contattare degli esperti del settore.

Fatta chiarezza su tale aspetto, vediamo come agire. Per prima cosa è meglio tentare di togliere in maniera fisica gli insetti dalla pianta, un aspetto non certo semplice, ma inevitabile. Il miglior modo è quello di aiutarsi con dell’acqua poiché le cocciniglie, in sua presenza, non oppongono resistenza. Non è un caso che dopo una giornata di pioggia il numero di parassiti sia più basso.

Fatto ciò, bisogna procedere con la potatura dei rami che hanno subito l’infestazione. Operazione da compiere con molta cura e pazienza, rimuovendo le foglie che sono più danneggiate senza procurare danni.

In ultimo, il consiglio è di procurarsi uno spruzzino e del sapone di Marsiglia. Questo tradizionale sapone, prodotto in Francia nella zona di Marsiglia da circa 600 anni, è ricco di olii essenziali. Ciò lo rende molto efficace contro le infestazioni di cocciniglia cotonosa perché non permette più all’insetto di respirare.

La dose giusta è di 20 grammi di sapone in scaglie, sciolte in 1 litro di acqua. La soluzione andrà poi spruzzata per bene su ogni foglia la sera, ripetendo l’operazione tre volte ogni tre giorni. Un’altra soluzione possibile è unire al sapone di Marsiglia dell’olio di girasole.

Altri metodi per eliminare la cocciniglia cotonosa

Come già scritto nel primo paragrafo, tra le specie più colpite ci sono le cycas. Spesso nel caso di queste particolari piante, la soluzione naturale appena descritta risulta essere poco appropriata. Tanto è vero che molti giardinieri per sconfiggere la cocciniglia cotonosa adoperano l’olio bianco minerale, un derivato del petrolio che viene spesso utilizzato ed è facilmente reperibile negli appositi negozi specializzati in giardinaggio.  Attenzione però a non usarlo sulle piante da frutto, questo liquido untuoso è consigliato solo su quelle ornamentali o sui fiori.

Il metodo corretto per mettere in pratica questa soluzione è far bollire dell’acqua in un pentolino, aggiungere un cucchiaio di olio bianco minerale e lasciare raffreddare. Intanto occorre inumidire la pianta con della semplice acqua e aspettare. Una volta che il composto si è raffreddato, va spruzzato accuratamente su ogni foglia ogni 3 giorni. Il periodo ideale durante il quale è preferibile applicare il metodo appena descritto è senza ombra di dubbio la fine della stagione invernale. Il motivo fondamentale è che durante i mesi meno freddi le uova iniziano a schiudersi e le cocciniglie risultano essere più deboli. Si può agire in questa maniera quando incominciamo a notare la presenza di macchie o di un piccolo numero di cocciniglie; a quel punto può bastare anche semplicemente tamponare la pianta nei punti specifici utilizzando un cotton-fioc imbevuto della soluzione.