Lo smartwatch è sicuramente il device indossabile più ambito e venduto del mondo, e la tendenza dovrebbe continuare anche nel corso dei prossimi anni.

Peraltro, il fatto che tutte le principali società del mercato stiano investendo in misura sempre più convincente in questo comparto, dovrebbe essere elemento sufficiente per poter comprendere quanto sarà ricco di novità il comparto.

Anche senza anticipare troppo i tempi, appare già chiaro come le varietà di smartphone in commercio siano in grado di soddisfare qualsiasi tipo di ambizione. È infatti possibile acquistare smartphone dallo schermo quadrato o circolare, eleganti o sportivi, economici o di prestigio, in grado di operare stand alone grazie a una SIM integrata o necessariamente connessi a uno smartphone, e così via.

Di qui, un’ulteriore riflessione: considerato che il panorama degli smartwatch non è mai stato così ampio ed eterogeneo, in che modo trovare i migliori smartwatch? Quali sono le loro caratteristiche? E quale sarebbe il miglior acquisto?

Cerchiamo di riepilogare tutto quello che dovete sapere!

Scegliere uno smartwach

La scelta di uno smartwatch può essere effettuata sulla base di decine di diversi fattori. Abbiamo tuttavia voluto riassumere i 3 che, a nostro giudizio, sono più importanti.

Sistema operativo

Sistema operativo

La scelta del sistema operativo è importante, visto e considerato che ne influenza la compatibilità con il vostro smartphone e con altri device con i quali lo smartwatch può “dialogare”.

Tra i principali OS ti ricordiamo:

  • Android Wear: è la versione Android appositamente ottimizzata per il mondo degli smartwatch e per gli altri dispositivi indossabili del robottino verde. Funziona con tutti gli smartphone che hanno almeno una versione Android pari alla 4.3 (e ovviamente c’è compatibilità con tutte le versioni successive). Sono invece pochissimi gli smartwatch Android che possono dialogare correttamente con iOS, con la conseguenza che l’acquisto di smartwatch con Wear è consigliabile solo se avete uno smartphone con sistema operativo Android.
  • WatchOS: è l’altra grande alternativa ad Android Wear. E se Android Wear è il sistema operativo per device indossabili di Android, come intuibile WatchOS è il sistema operativo per device indossabili di Apple. Per questa ragione funziona solamente con iPhone (versione 5 o successiva), divenendo la scelta ideale e privilegiata per tutti gli amanti del melafonino.
  • Altri sistemi operativi: il panorama dei sistemi operativi non si ferma a Android Wear e WatchOS, anche se sono questi due i “leader” del mercato. Possiamo comunque citare Tizen OS, che ha equipaggiato gli orologi Samsung.

Display

Display

Un altro dei “grandi” fattori che potrebbero condizionare la tua scelta è rappresentato dal display. Le uniche alternative sono per il momento rappresentate da un quadrante circolare o quadrato: molto dipende dai gusti, anche se è evidente che quelli circolari sono più eleganti, poiché simili agli orologi tradizionali. I display quadrati sono invece meno pratici, ma spesso più comodi da usare grazie anche alla familiarità con una forma in grado di agevolare il touch.

Oltre alla forma, condiziona pesantemente la qualità del display la tecnologia sulla base della quale sono realizzati. La maggior parte degli schermi è realizzata in tecnologia di tipo OLED / AMOLED, in alternativa al tipo LCD.

In linea di massima, i display OLED / AMOLED sono in grado di assicurarti sia una buona autonomia energetica che un buon contrasto, ma sotto la luce del sole peccano un po’ rispetto agli schermi LCD. Valuta anche se lo schermo è always on, o meno: alcuni smartwatch hanno display sempre accesi, mentre altri si accendono solo con particolari movimenti del braccio o quando si fa un tap sul quadrante. La modalità always on è di norma a basso consumo, e non incide troppo sull’autonomia energetica, ma potrebbero comunque erodere più batteria.

Funzioni

Terza leva fondamentale che può orientarti nella scelta del tuo nuovo smartwatch è ovviamente relativa alla gamma di funzioni che il dispositivo indossabile può garantirti.

Potrai ad esempio preferire uno smartwatch che conta i passi o rileva il tuo battito cardiaco, o ancora che abbia un microfono o un altoparlante, oppure uno slot per le SIM che possa permetterti di fare a meno dello smartphone, e così via.

Intuibilmente, ognuna di tali caratteristiche verrà ponderata in maniera diversa a seconda delle tue preferenze. Se sei uno sportivo è probabile che andrai a cercare le migliori funzionalità per la tua attività fisica, se ami il nuoto cercherai uno smartwatch resistente all’acqua, e così via.

I migliori smartwatch economici

I migliori smartwatch economici

Ora che ne sappiamo un po’ di più sugli smartwatch, cerchiamo di ipotizzare qualche acquisto partendo dagli smartwatch più economici, che potrebbero non solamente rappresentare un buon ingresso in questo panorama, quanto anche essere in grado di soddisfare le esigenze di fruizione più basilari.

Ipotizzando una spesa inferiore ai 100 euro non troverete molti modelli di qualità, ma una vera e propria invasione di cloni provenienti dall’Asia, di dubbia soddisfazione. Più frequente è invece l’acquisto di smartband, invece degli smartwatch, come quelli di Xiaomi: non si tratta di veri e propri orologi intelligenti, ma ti permetteranno comunque di poterne assaporare parte delle funzioni, soprattutto in ottica fitness.

Tra gli smartwatch economici delle marche più conosciute, ti indichiamo invece l’Alcatel SM02, un device indossabile economico (sotto i 100 euro) con alcune interessanti funzionalità che, peraltro, lo rendono compatibile sia con Android che con iPhone. Dispone di NFC, accelerometro, giroscopio, altimetro, sensore di rilevamento del battito cardiaco e bussola digitale, batteria in grado di fornire fino a 3 giorni di autonomia, certificazione IP67 relativa alla resistenza ad acqua e polvere.

I migliori smartwatch di fascia media

Naturalmente, man mano che sali di prezzo riuscirai a trovare anche degli accessori indossabili di maggiore qualità e funzionalità.

Per quanto concerne una fascia media – tra i 100 e i 300 euro – puoi innanzitutto trovare Huawei Watch Classic, uno dei nostri smartwatch Android preferito. Il prezzo è di poco sotto i 300 euro, ma le sue caratteristiche sono (quasi) da top di gamma. Presente un display circolare AMOLED da 1,4″ (400 x 400 pixel) rivestito da vetro zaffiro, resistente ad urti e graffi, e all’acqua. Batteria da 300 mAh, giroscopio, accelerometro, sensore per il rilevamento del battito cardiaco, barometro e altoparlante per le chiamate, processore Snapdragon 400 a 1.2 GHz, 512 MB RAM e 4GB di memoria interna completano le principali caratteristiche.

Sempre in questa fascia, un ottimo smartwatch che vogliamo segnalarti è il Moto360. Il suo prezzo oscilla intorno ai 200 euro, e può garantirti delle caratteristiche davvero ottime: disponibile in due versioni, una da 42mm con un display LCD da 1.37″ (360×325 pixel) e una da 46 mm con un display LCD da 1.56″ (360×330 pixel), ha sistema operativo Android Wear e include contapassi, rilevatore di battito cardiaco, processore Snapdragon 400 Quad-core da 1.2GHz, 4GB di memoria interna e 512MB di RAM.

I migliori smartwatch di fascia alta

I migliori smartwatch di fascia alta

Concludiamo infine con un breve richiamo a quelli che, a nostro giudizio, sono i migliori smartwatch di fascia alta, oltre i 300 euro.

In questo ambito non possiamo non parlare dell’Apple Watch, che con le sue varie sere ha rappresentato un punto di riferimento in questo comparto in continua evoluzione. Dall’altra parte del “ring” c’è invece il Samsung Gear S3, disponibile in diverse versioni (Frontier / Classic).

In ogni caso, due ottime scelte per chi vuole uno smartwatch di qualità, idealmente in grado di abbinarsi all’iPhone (nel primo caso) e a cellulari Android (nel secondo caso).

Quale sarà la tua scelta?