balene

Il rischio di cancro aumenta con l’età e con il peso. Ma questo, a quanto pare, non vale per le balene, i più grandi mammiferi del mondo, che non sperimentano questa correlazione. Le balene sono infatti alcuni degli animali che hanno meno probabilità di ammalarsi di cancro e una nuova e interessante ricerca ha cercato di capire per quale motivo è così.

Il cancro

Fondamentalmente, il cancro inizia quando le cellule mutano in modo anormale e iniziano a crescere e dividersi in modo incontrollabile, in un meccanismo che interrompe il normale funzionamento del loro ambiente biologico.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cancro è la seconda causa di morte a livello globale, colpendo milioni di persone di tutte le età in tutto il mondo. Alcuni ricercatori hanno sostenuto che le malattie che ricadono sotto l’ombrello del cancro si siano diffuse nel mondo moderno, in gran parte a causa di fattori come l’inquinamento e altri cambiamenti ambientali causati dall’azione umana. Tuttavia, molti studi dimostrano che le persone hanno in realtà sempre sperimentato varie forme di cancro.

Ne è dimostrazione il fatto che il primo caso di cancro che i ricercatori sono stati finora in grado di documentare si è verificato in un ominide i cui resti risalgono a 1,7 milioni di anni fa. Gli analisti hanno localizzato questi resti in una grotta sudafricana, e hanno ottenuto prove di osteosarcoma, un tipo aggressivo di cancro osseo, agli albori della razza umana.

Eppure gli esseri umani e i loro antenati non sono gli unici esseri viventi ad essere stati colpiti dal cancro nel corso della storia. Aneddoticamente, il cancro è la principale causa di morte nei gatti e nei cani, e alcuni uccelli, rettili e pesci – in cattività e in natura – possono sperimentare diverse tipologie di cancro. Come se non bastasse, secondo alcune recenti scoperte, anche i dinosauri a volte sviluppavano il cancro.

Età, peso e rischio di cancro

Gli esperti hanno da tempo spiegato spiegano che l’età e il peso di una persona possono aumentare il rischio di sviluppare il cancro. D’altronde, più a lungo una persona vive, più tempo c’è per le cellule a mutare, considerato che con l’invecchiamento del corpo, le sue cellule possono essere più sensibili alle mutazioni. Inoltre, più una persona pesa più cellule dispone a “rischio” di mutazioni.

Tuttavia, queste correlazioni non si applicano uniformemente tra le specie del regno animale. È infatti altrettanto evidente che alcuni animali hanno bassissime probabilità di sviluppare il cancro, nonostante il fatto che siano molto grandi e longevi. Si pensi a elefanti, focene e balene, che hanno tassi di cancro incredibilmente bassi.

A questo punto, i ricercatori si sono chiesti perché, e considerando se la resistenza di questi animali al cancro possa aiutare gli esseri umani a capire meglio la malattia e come combatterla al meglio.

Uno studio pubblicato l’anno scorso e citato da Medical News Today potrebbe aver trovato la risposta nel caso degli elefanti. Questi grandi pachidermi, si è scoperto, hanno infatti un gene che sopprime il tumore che permette ai loro corpi di fermare il cancro dal momento della formazione. La buona notizia è che anche gli esseri umani hanno questo gene. Tuttavia, mentre gli esseri umani ne hanno solo una copia, gli elefanti ne hanno ben 20 copie diverse.

E che dire delle balene? Un team di ricercatori della Northern Arizona University, di Flagstaff, dell’Arizona State University, di Tempe e di altre istituzioni, ritiene che la risposta possa, ancora una volta, risiedere nei geni di questi mammiferi acquatici.

Perché il cancro non colpisce le balene

Per questo studio – i cui risultati sono apparsi sulla rivista Molecular Biology and Evolution ed approfonditi anche dal team di INRAN – i ricercatori hanno voluto analizzare un campione di pelle di una megattera femmina adulta, che frequenta le acque al largo della costa del Massachusetts.

Il team di ricerca – guidato da Marc Tollis, Ph.D., professore assistente alla Northern Arizona University – ha eseguito il sequenziamento del DNA e dell’RNA sul campione cutaneo prelevato dalla balena per assemblare una mappa del suo genoma.

Una volta ottenuto questo risultato, i ricercatori hanno confrontato questi dati con le informazioni sulla composizione genetica di vari mammiferi, compresi i membri di altre 10 specie di cetacei, come la balenottera azzurra (Balaenoptera musculus), la balenottera nera (Balaena mysticetus) e il capodoglio (Physeter macrocephalus).

Ebbene, l’analisi dei ricercatori ha rivelato che alcuni loci genomici (parti specifiche del genoma) si sono evoluti più velocemente nelle balene che in altri mammiferi. In particolare, questi erano loci contenenti geni che regolano il ciclo cellulare, la proliferazione e il processo di rep del DNA in cella. Tollis e il team notano che i geni responsabili di questi processi di mantenimento cellulare mutano nei tumori umani.

Un’altra caratteristica che distingue le balene da altri mammiferi è che hanno molte duplicazioni di geni che sopprimono i tumori, i geni che impediscono lo sviluppo e la crescita del cancro.

Questo suggerisce che le balene sono uniche tra i mammiferi, in quanto, per evolvere le loro gigantesche dimensioni, questi importanti geni ‘housekeeping’, che sono evolutivamente conservati e normalmente prevengono il cancro, hanno dovuto tenere il passo per mantenere la forma fisica della specie“, spiega Tollis.

“Abbiamo anche scoperto che, nonostante queste parti di genomi di balene legate al cancro che evolvono più velocemente di altri mammiferi, in media, le balene hanno accumulato nel loro genoma molte meno mutazioni del DNA nel corso del tempo, rispetto ad altri mammiferi, il che suggerisce che hanno tassi di mutazione più lenti“, continua Tollis.

In che modo la ricerca può essere utile per l’uomo?

Ma perché i ricercatori studiano le balene e altri animali con rischi di cancro estremamente bassi? Queste informazioni sono utili per gli esseri umani?

Gli autori dello studio rispondono positivamente, ricordando che le informazioni che hanno scoperto suggeriscono che molte specie nel mondo naturale si sono evolute da sole per tenere a bada il cancro.

Ciò significa che, comprendendo i meccanismi, i ricercatori potrebbero, in futuro, essere in grado di elaborare strategie preventive e terapie anticancro che saranno efficaci nel combattere le forme umane di queste patologie.

La natura ci sta dimostrando che questi cambiamenti dei geni del cancro sono compatibili con la vita. Le prossime domande sono: quale di questi cambiamenti sta prevenendo il cancro, e possiamo tradurre queste scoperte nella prevenzione del cancro negli esseri umani?” – ha dichiarato il coautore dello studio, Carlo Maley, direttore dell’Arizona Cancer and Evolution Center.

Allo stesso tempo, il team ritiene che la mappatura di come diverse specie animali sviluppano il cancro, così come i meccanismi antioncogeni, ci permetterà di apprendere che queste malattie sono una minaccia comune che è stata presente per tutto il tempo.

Il nostro obiettivo non è solo quello di far sì che la natura ci informi sulle migliori terapie oncologiche, ma di dare ai pazienti una nuova prospettiva del cancro“, osserva Tollis, aggiungendo: “Il fatto che le balene e gli elefanti si siano evoluti per sconfiggere il cancro e che anche i dinosauri ne abbiano sofferto, suggerisce che il cancro è stata una pressione selettiva attraverso molti milioni di anni di evoluzione, ed è sempre stato presente”.