groenlandia

Una nuova ricerca sta dimostrando che in futuro la Groenlandia potrebbe rimanere senza ghiaccio. Se le emissioni di gas serra a livello mondiale rimarranno sulla traiettoria attuale, infatti, questa macro area potrebbe liberarsi dal ghiaccio entro l’anno 3000. E, entro la fine del secolo, l’isola potrebbe perdere il 4,5% dei suoi ghiacci, contribuendo ad un innalzamento del livello del mare non marginale.

Come sarà la Groenlandia in futuro – tra un paio di centinaia di anni o tra 1.000 anni – se ci sarà la Groenlandia, o almeno una Groenlandia simile ad oggi, dipende da noi“, ha dichiarato Andy Aschwanden, un professore associato di ricerca presso l’Università dell’Alaska Fairbanks Geophysical Institute.

Aschwanden è l’autore principale su un nuovo studio pubblicato nel numero di giugno di Science Advances. I ricercatori dell’UAF Geophysical Institute Mark Fahnestock, Martin Truffer, Regine Hock e Constantine Khrulev sono i co-autori, così come Doug Brinkerhoff, un ex studente laureato dell’UAF.

Questa ricerca utilizza nuovi dati sul paesaggio sotto il ghiaccio per fare scoperte nella modellazione per il futuro. In particolare, i risultati mostrano una vasta gamma di scenari sulla perdita di ghiaccio e sull’innalzamento del livello del mare sulla base di diverse proiezioni, per le concentrazioni di gas serra e per le condizioni atmosferiche.

Il ghiaccio della Groenlandia

Ad oggi lo strato di ghiaccio della Groenlandia è enorme, e si estende per oltre 660.000 miglia quadrate. Ha quasi le dimensioni dell’Alaska ed è grande l’80% degli Stati Uniti a est del fiume Mississippi. Oggi, la calotta di ghiaccio copre l’81% della Groenlandia e contiene l’8% dell’acqua dolce della Terra.

Purtroppo, se le concentrazioni di gas serra dovessero continuare a crescere come da percorso attuale, il ghiaccio che si scioglie dalla Groenlandia potrebbe contribuire all’innalzamento globale del livello del mare di un livello sufficiente per poter sommergere molte grandi città costiere, come San Francisco, Los Angeles, New Orleans.

C’è ancora speranza

Tuttavia, se le emissioni di gas serra dovessero essere ridotte in modo significativo, il quadro non potrebbe che cambiare. Ad ogni modo, non bisogna andare troppo in là nel tempo per poter apprezzare scenari sconvolgenti: le proiezioni per la fine del secolo e per il 2200 raccontano infatti una storia simile: esiste un’ampia gamma di possibilità diverse, ma tutto dipende dalle emissioni di gas serra.

I ricercatori hanno eseguito 500 diverse simulazioni per ciascuno dei tre scenari climatici utilizzando il modello Parallel Ice Sheet, sviluppato dall’Istituto di Geofisica, per creare un quadro di come il ghiaccio della Groenlandia sarebbe in grado di rispondere dinanzi ai diversi scenari climatici. Il modello comprendeva parametri sulle condizioni oceaniche e atmosferiche, nonché sulla geometria, il flusso e lo spessore del ghiaccio.

Simulare il comportamento della calotta di ghiaccio è evidentemente molto difficile, perché la perdita di ghiaccio è guidata dalla ritirata dei ghiacciai di uscita. Questi ghiacciai, ai margini delle lastre di ghiaccio, drenano il ghiaccio dall’interno come fiumi, spesso in trogoli nascosti sotto il ghiaccio stesso.

Questo studio è il primo modello ad includere questi ghiacciai di scarico, scoprendo peraltro che il loro scarico potrebbe contribuire fino al 45% della massa totale di ghiaccio perso in Groenlandia entro il 2200.

I ghiacciai in uscita sono a contatto con l’acqua, e l’acqua fa sciogliere il ghiaccio più velocemente del contatto con l’aria. Più il ghiaccio tocca l’acqua, più velocemente si scioglie. Questo crea una sorta di “anello” che influisce drammaticamente sullo strato di ghiaccio. Tuttavia, per simulare come scorre il ghiaccio, gli scienziati devono innanzitutto sapere quanto è spesso il ghiaccio.

Quanto è profondo il ghiaccio della Groenlandia

Per avere questi dati il team di ricercatori ha utilizzato i dati di una campagna scientifica della NASA, chiamata Operation IceBridge.

L’operazione utilizza aerei dotati di una serie completa di strumenti scientifici, tra cui tre tipi di radar in grado di misurare la superficie del ghiaccio, i singoli strati all’interno del ghiaccio e penetrare fino alla roccia per raccogliere dati sulla terra sotto il ghiaccio. In media, lo strato di ghiaccio della Groenlandia ha uno spessore di 2,5 chilometri , ma ci sono molte variazioni a seconda di dove si misura.

Il ghiaccio si trova in luoghi molto remoti“, ha detto Fahnestock. “Si può andare lì e fare misurazioni localizzate. Ma la vista dallo spazio e la vista dalle campagne aeree, come IceBridge, ha appena trasformato radicalmente la nostra capacità di creare un modello per imitare questi cambiamenti“.

Poiché i risultati delle ricerche precedenti non erano così dettagliati, gli scienziati non sono stati in grado di simulare le condizioni attuali con la stessa precisione, il che rende più difficile prevedere cosa accadrà in futuro.

Se oggi piove a Washington, la vostra migliore ipotesi è che piove anche domani“, ha detto Aschwanden. “Se non sai che tempo c’è oggi, è tutto da indovinare”.

Tuttavia, questo non significa che i ricercatori sappiano esattamente cosa succederà. “Quello che sappiamo dagli ultimi due decenni di guardare la Groenlandia non è perché siamo stati geni e l’abbiamo capito, ma perché l’abbiamo appena visto accadere“, ha detto Fahnestock. Per quanto riguarda ciò che vedremo in futuro, “dipende da ciò che faremo dopo“.

Approfondimenti e bibliografia