uccelli migrano

Un nuovo studio che combina i dati di un diffuso team di scienziati e di stazioni radar meteorologiche sta fornendo informazioni dettagliate sulle migrazioni primaverili degli uccelli lungo il Golfo del Messico e su come questi viaggi possano essere influenzati dai cambiamenti climatici. I risultati sui tempi, la posizione e l’intensità di questi movimenti degli uccelli sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista Global Change Biology.

Abbiamo esaminato i dati di migliaia di osservatori di eBird e 11 stazioni radar meteorologiche lungo la costa del Golfo dal 1995 al 2015“, dice l’autore principale Kyle Horton, un Edward W. Rose Postdoctoral Fellow presso il Cornell Lab of Ornithology. “Abbiamo calcolato che una media di 2,1 miliardi di uccelli attraversa l’intera lunghezza della costa del Golfo ogni primavera mentre si dirigono a nord verso i loro luoghi di riproduzione. Fino ad ora, potevamo solo indovinare il numero complessivo dei rilievi effettuati lungo piccole porzioni della costa“.

eBird è il database mondiale online del Cornell Lab per i rapporti sull’osservazione degli uccelli. Gli avvistamenti degli osservatori hanno aiutato i ricercatori a tradurre i loro dati radar in stime del numero di uccelli. Il radar meteorologico rileva gli uccelli nell’atmosfera in modo standardizzato nel tempo e su una vasta area geografica.

I dati radar rivelano quando gli uccelli migrano e quali percorsi seguono. Il momento della migrazione primaverile di picco è stato costante per oltre 20 anni lungo l’intera costa, ma i ricercatori hanno scoperto che il periodo di 18 giorni tra il 19 aprile e il 7 maggio è stato il più trafficato, con circa un miliardo di uccelli è passato sopra la costa del Golfo in quel solo lasso di tempo.

In particolare, l’attività più elevata e dinamica, con 26.000 uccelli per chilometro di spazio aereo ogni notte, è stata riscontrata lungo la costa occidentale del Golfo del Texas“, dice Horton. “Quella regione ha avuto 5,4 volte il numero di uccelli migranti rilevati rispetto alla costa centrale e orientale del Golfo dalla Louisiana alla Florida“.

Ma per quale motivo questi dati sono così importanti? Per i ricercatori, sapere dove e quando si verifica il picco di migrazione significa che si possono fare sforzi per spegnere le luci e le turbine eoliche, che sono note minacce per gli uccelli migratori.

I tempi di migrazione sono critici anche per gli stessi uccelli. Anche se la migrazione si è evoluta in passato con il mutamento del clima, l’attuale tasso di cambiamento potrebbe essere troppo rapido perché gli uccelli riescano a tenere il passo. Questo studio mostra che i primi movimenti stagionali iniziano prima, avanzando di circa 1,5 giorni e mezzo per decennio, anche se il tempo di picco di attività non è cambiato, il che può essere motivo di evidente preoccupazione.

“Se gli uccelli non stanno cambiando il loro tempo di migrazione abbastanza velocemente da corrispondere al tempo di piante e insetti, si creerà una situazione allarmante”, dice Horton. “perché potrebbero perdere risorse abbondanti a causa delle loro zone di riproduzione e avere meno successo riproduttivo”.

La ricerca è stata condotta dagli scienziati del Cornell Lab of Ornithology, dell’Università di Oxford, dello Smithsonian Migratory Bird Center, dell’Università del Delaware e dell’Università dell’Oklahoma.